Psicologia Infantile

La psicologia dell’età evolutiva è quella branca della psicologia dello sviluppo che studia il processo di crescita degli individui, nel periodo che va dalla nascita fino alla maturazione sessuale.

Solitamente questo lasso di tempo può essere suddiviso in cinque fasi:

  • Prima infanzia (0-2 anni);
  • Seconda infanzia (2-6 anni);
  • Fanciullezza (6-10 anni);
  • Preadolescenza (10-14 anni);
  • Adolescenza (14 anni +).

La psicologia infantile si colloca nella sfera d’influenza della cosiddetta psicologia dello sviluppo. Quest’ultima è una disciplina che, nel contesto delle scienze psicologiche, si occupa di studiare i cambiamenti a livello fisico, emotivo, affettivo, cognitivo e comportamentale che si verificano nell’essere umano, nei diversi momenti della vita.

Lo psicologo infantile si occupa dell’infanzia e delle criticità riscontrate dai bambini durante le diverse fasi dello sviluppo cognitivo, socio-relazionale e psico-affettivo.

Oltre a lavorare con i bambini, lo psicologo infantile collabora anche con insegnanti e genitori, al fine di analizzare ed eliminare tutte le possibili cause di disagio dei più piccoli ed orientarli verso un sano sviluppo.